Sotto al Burqa: struggente quadro di Kabul.

Sotto il minaccioso e polveroso cielo di Kabul, Parvana e la sua famiglia cercano di sopravvivere ai problemi economici che li affliggono e alla spietata ferocia dei talebani che, con grande arroganza e spaventosa violenza, mettono a ferro e fuoco la dimessa e sanguinante capitale afghana.Le donne ovviamente sono la fetta di popolazione più colpita…

Cenerentola: femminista wannabe.

“You’re gonna know my name” canta Camila Cabello subito dopo l’inizio del film, ma l’impressione che si ha dopo aver visto questo musical non è esattamente quella, anzi. La dimenticabilità che trasuda da ogni battuta, da ogni canzone, da ogni inquadratura e da quasi tutti i personaggi è veramente disarmante. Neanche il tempo di finire…

Chocolat, Lasse Hallström

Non possiamo andare in giro a misurare la nostra bontà in base a ciò che non facciamo, in base a ciò che neghiamo a noi stessi, a ciò a cui rinunciamo e a chi respingiamo. Credo, forse, che dobbiamo misurare la bontà in base a chi abbracciamo, a ciò che creiamo e a chi accogliamo.

Maléna: la condanna di essere donna.

In una Sicilia martoriata dai bombardamenti e nel pieno della Seconda Guerra Mondiale, più di preciso in un immaginario paesino di nome Castelcutò, vive una ragazza. Suo marito è partito per la guerra ed ora lei, incredibilmente bella e smagliante nei suoi 27 anni di pura mediterraneità, è sola, sola in un paesucolo che non…

Se Succede Qualcosa, Vi Voglio Bene: ciò che rimane dell’amore.

Due adulti siedono ad un tavolo con gli occhi fissi sui loro pasti mentre il silenzio tesse una fitta tela di risentimento, amarezza, rabbia e dolore, dopo quel maledetto giorno anche solo guardarsi sembra quasi un’impresa impossibile. Qualcosa di profondamente distruttivo si è insinuato fra di loro, moglie e marito non sono stati mai così…