Top Gun: Maverick

Debutta al cinema – e solo ed esclusivamente al cinema – il tanto atteso sequel di uno dei capisaldi della cultura pop anni ’80: Top Gun – Maverick. Dopo mesi di ritardo dovuti alla pandemia, approda sul grande schermo l’ultima fatica di Tom Cruise, diretto dal regista Joseph Kosinski.

Il capitano Pete “Maverick” Mitchell, trent’anni dopo le avventure del primo film, si trova in Nevada, in un programma di collaudo di nuovi aerei della Marina. Dopo un incidente di percorso viene rimproverato dal retro-ammiraglio Cain che gli comunica, seppur contro il suo giudizio, di essere stato richiamato dalla Top Gun. Una volta arrivato alla base scopre di essere stato scelto su raccomandazione dell’ammiraglio Kazansky, alias “Iceman”, ex rivale poi diventato amico di Maverick, per addestrare una selezione di piloti scelti per una missione top secret ed estremamente rischiosa, ma della massima importanza. Tra questi piloti c’è anche Bradley “Rooster” Bradshaw, figlio di Goose, amico e navigatore di Maverick, deceduto durante una manovra militare a bordo di un F-14 pilotato proprio dallo stesso Maverick. Tra i due non scorre buon sangue, dovuto al fatto che Rooster considera l’amico del padre responsabile di avergli bloccato la domanda di arruolamento per la Marina, facendogli perdere anni preziosi di carriera. L’addestramento prosegue, tra esercitazioni dure, scontri, vecchie fiamme e lavoro di squadra. Un paio di settimane prima della scadenza la missione viene anticipata e Maverick dovrà spingere al limite sia lui che i suoi piloti per portarla a termine e riportare tutti a casa sani e salvi.

Tom Cruise è Top Gun, o Top Gun è Tom Cruise. In entrambi le versioni si evince chi sia la mente – e i soldi – dietro al sequel della fortunata perla degli anni ’80 che è stato Top Gun. Tom Cruise riesce a soddisfare tutti, pubblico e critica, portando il suo Maverick, dopo quasi due mesi netti nelle sale, tra le venti pellicole di maggior incasso di sempre e finora al primo posto tra quelle uscite nel 2022. Ma cosa rende questo atteso sequel un vero e proprio fenomeno? A mio parere si tratta di un mix prefetto di tanti elementi, primo fra tanti l’effetto “nostalgia”: moltissimi dettagli del film sono ripresi da quello precedente, suggerendo talvolta l’idea che si tratti quasi di un remake, piuttosto che un vero e proprio sequel. A cominciare dalle scene iniziali, in cui Cruise sfreccia in sella alla sua moto con il sorriso smagliante stampato in faccia e senza casco – cosa che poteva risultare cool negli anni ’80, oggi decisamente meno – per poi proseguire con il giubbotto di pelle, le foto con Goose in bacheca, le rivalità con i superiori, Danger Zone a tutto volume, eccetera. Oltre a questo però troviamo tanto altro. Top Gun: Maverick si rivela un gioiellino di cinematografia, con scenografie, fotografia, colonna sonora e regia eccezionali. Un film insomma, come già scritto più volte, da vedere al cinema. Le sequenze di volo sono a dir poco emozionanti e i combattimenti ti tengono sicuramente incollato alla poltrona. Gli attori che circondano Cruise sono diversi: nella parte di Rooster troviamo Miles Teller, che riesce finalmente a farsi notare, Jennifer Connelly, che interpreta Penny, Jon Hamm diventa l’austero viceammiraglio Simpson, Glenn Powell veste i panni di Hangman, e infine Ed Harris. Molto emozionante risulta la piccola parte di Val Kilmer, che torna nelle vesti del vecchio Iceman. Menzione d’onore merita sicuramente la colonna sonora, con grandi ritorni del passato e nuove melodie da pelle d’oca, con un contributo, tra gli altri, anche di Hans Zimmer, e tra cui spicca senza dubbio Lady Gaga con la sua meravigliosa Hold My Hand .

Top Gun: Maverick riesce quindi a conquistare, mostrando ancora una volta la dedizione e la passione per il grande schermo del suo protagonista Tom Cruise. Un prodotto che convince in tutto e per tutto, anche i più scettici, tra cui la sottoscritta, che si aspettava un altro “solito film d’azione con gli aerei”. Beh, a dirla tutta il nuovo Top Gun è riuscito davvero a rivelarsi più di questo, ad intrattenere ed emozionare, e a centrate quindi l’obiettivo. Un vero e proprio spettacolo da vedere al cinema.  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...