Ennio: l’omaggio di Tornatore al maestro e al cinema

Ennio è il film documentario del 2021 diretto da Giuseppe Tornatore, presentato alla 78. Mostra del Cinema di Venezia e incentrato sulla vita e la musica del compositore e direttore d’orchestra Ennio Morricone.

Il regista Giuseppe Tornatore rende omaggio al suo amico e collaboratore Ennio Morricone, portando lo spettatore in un viaggio attraverso la storia del maestro, che si intreccia alla storia del cinema stesso. Il documentario ripercorre la vita e le opere del compositore, scomparso lo scorso 6 luglio 2020. Il viaggio inizia dagli albori della carriera musicale di Ennio Morricone fino all’atteso Oscar, ricevuto nel 2016 per la colonna sonora del film The Hateful Eight, di Tarantino. Gli esordi presso il Conservatorio di Santa Cecilia a Roma in cui si diploma prima in tromba e di seguito in composizione, guidato dallo storico maestro Goffredo Petrassi; i primi lavori come arrangiatore presso la RCA, dove collabora con la maggior parte degli artisti più famosi degli anni ’60 e ’70, come Gianni Morandi, Edoardo Vianello, Mina e Gino Paoli, per citarne alcuni; l’esordio alla composizione di colonne sonore per il cinema e la collaborazione con grandi registi italiani come Sergio Leone, Gillo Pontecorvo, Pier Paolo Pasolini, Bernardo Bertolucci, e stranieri, tra i quali Roland Joffé, Brian De Palma, Terrence Malick e Quentin Tarantino.

Ennio esplora la totalità dei quasi 60 anni di carriera del maestro, soffermandosi con particolare enfasi nei primi 20 anni, dagli esordi agli anni ’80. Tante sono le voci e le immagini che si alternano, così come tante sono le presenze all’interno del film di collaboratori, amici e colleghi di Morricone che con il loro ricordo, intrecciato alla testimonianza diretta dell’artista, ci portano al cuore della vita e del lavoro di Ennio Morricone. Nel lungometraggio compaiono moltissimi volti noti e meno noti, italiani e non, del mondo della musica e del cinema, come, oltre a quelli già citati, Dario Argento, Quincy Jones, Hans Zimmer, Nicola Piovani, Caterina Caselli, Marco Bellocchio, Clint Eastwood, Bruce Springsteen, Carlo Verdone, e tanti altri.

Vedendo Ennio si percepisce come fosse profonda e intima la connessione di Morricone con la musica e con il cinema, e quanto la sua genialità fosse riconosciuta da tutti. Nonostante questo e le tante candidature ricevute, l’artista ha dovuto però attendere fino al 2007 per ricevere l’Oscar alla carriera, e al 2016 per l’Oscar alla miglior colonna sonora originale, momento che viene evidenziato con particolare commozione nel documentario. Tante sono le emozioni che fuoriescono da questo piccolo capolavoro, in cui il cinema e la musica sono i coprotagonisti e i fedeli compagni di vita di un vero artista, timido ma determinato, spesso non compreso nell’ambiente musicale per il suo volersi dedicare alla “musica da film”, considerata di serie B dagli altri compositori “puristi”. Dal film emerge con profonda sensibilità anche il legame di Morricone con la moglie Maria, la quale diviene fin da subito il suo primo giudice e applauso di qualsiasi composizione, e alla quale dedica anche l’Oscar.

Ennio rappresenta un vero e proprio omaggio alla straordinaria vita e carriera di uno dei migliori e più amati compositori della storia della musica e del cinema contemporanei, dal quale tutti i suoi successori hanno attinto e continueranno ad attingere. Che voi conosciate o meno la storia e la musica di Ennio Morricone, fatevi un regalo e guardate questo meraviglioso film.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...