Finché morte non ci separi: tra dark comedy e horror

Finché morte non ci separi è un film del 2019, diretto da Matt Bettinelli-Olpin e Tyler Gillett e disponibile su Disney+.

Grace è una giovane donna che si appresta a sposare il suo fidanzato Alex Le Domas, e ad entrare ufficialmente a far parte della ricca famiglia di lui, la quale deve la sua fortuna alle carte e ai giochi da tavolo. Nonostante la titubanza del fidanzato, Grace è convinta a sposarsi e il giorno delle nozze si svolge nel giardino della magione della famiglia Le Domas. La sera, a mezzanotte, Grace viene invitata a portare avanti una tradizione di famiglia, per la quale ogni nuovo membro deve prestarsi ad un gioco scelto a caso da una vecchia scatola rompicapo appartenuta al bisnonno Le Domas. Il gioco estratto a sorte è nascondino, durante il quale Grace dovrà nascondersi, mentre tutta la famiglia la cercherà. Ben presto la ragazza capirà che non si tratta solo di un eccentrico passatempo familiare, ma di una vera e propria lotta per la sopravvivenza.

Nonostante dal trailer si presenti come un horror splatter in piena regola, Finché morte non ci separi risulta essere un mix perfetto tra dark comedy e horror. Tanti elementi dall’inizio del film fanno presagire un’atmosfera inquietante e fuori dall’ordinario, che si traduce poi in spargimenti di sangue misti a battute ironiche e gag macabre, che distaccano e distendono lo spettatore dalla suspense incalzante tipica di un horror. Il ritmo è coinvolgente, con diversi jump scares più o meno inaspettati. I dettagli della storia vengono minuziosamente dati un pizzico alla volta fino ad arrivare al finale esplicativo. A dare il volto alla protagonista Grace è l’attrice australiana Samara Weaving, mentre i vari e bizzarri membri della famiglia Le Domas sono interpretati da diversi attori conosciuti come Andie MacDowell, Adam Brody, Mark O’Brien e Henry Czerny.

Finché morte non ci separi si rivela un ottimo prodotto di intrattenimento, soprattutto per chi (come me) non è un amante degli horror in piena regola. Un cocktail accattivante di black humor, spaventi e splatter che vi terrà incollati al divano.

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Austin Dove ha detto:

    non sono riuscito a vederlo al cinema ma mi interessa tantissimo, ho letto che c’è anche uno studio del vestito da sposa e che ne hanno usati molti col proseguire della vicenda^^

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...