Stardust

Stardust è un film d’avventura del 2007, diretto da Matthew Vaughn e liberamente ispirato all’omonimo romanzo di Neil Gaiman. Il film è disponibile su Netflix.

Tristan è un giovane garzone di bottega che vive nel piccolo villaggio di Wall, in Inghilterra, chiamato così per via del muro che lo divide dal magico regno di Stormhold. Per conquistare l’amata Victoria promette di portarle una stella caduta, e parte alla ricerca del suo pegno d’amore. Durante questo viaggio incontrerà Yvaine, la quale si rivelerà proprio la stella precipitata dal cielo e desiderosa di tornare a casa. Tristan promette di riportare in cielo Yvaine, in cambio dell’incontro con Victoria. Ma il viaggio non sarà facile. A cercare l’ambito e potente cuore della stella, infatti, ci sono anche la crudele regina delle streghe Lamia e lo spietato principe Septimus, ultimo erede al trono di Stormhold. Per Tristan ed Yvaine comincierà quindi un’avventura densa di pericoli e magia.

Questo coinvolgente fantasy è passato, inspiegabilmente, del tutto inosservato sotto gli occhi del grande pubblico, diventando nel corso del tempo un piccolo gioiello di nicchia. Talmente ignorato da essersi aggiudicato addirittura un premio come “Miglior film passato inosservato” dalla Phoenix Film Critics Society. Per i pochi fortunati che lo conoscono si posiziona onorevolmente e senza ombra di dubbio tra i migliori film d’avventura degli anni 2000. Liberamente ispirato dal romanzo dello scrittore e fumettista Neil Gaiman (autore anche di American Gods e Coraline), questo film è un mix perfetto di fantasy, comicità e azione. Nonostante i protagonisti ufficiali siano Tristan ed Yvaine, anche gli altri personaggi si rivelano ben costruiti, capaci di rubare facilmente la scena e risultando talvolta più interessanti dei primi. La scenografia è meravigliosa, curata nei minimi dettagli, e la colonna sonora si adatta perfettamente al ritmo del film, incalzante e privo di momenti lenti e noiosi. I tre filoni della storia, in apparenza separati, si intrecciano nel finale, riunendo così tutti i personaggi principali.

Il protagonista Tristan, interpretato da un ancora sconosciuto Charlie Cox, è il classico bravo ragazzo di umili origini che compie il viaggio dell’eroe, raggiungendo il successo e conquistando il vero amore. La sua co-protagonista e compagna di viaggio è Yvaine, determinata ma ingenua stella, preda ambita dei “cattivi” della storia e interpretata da Claire Danes. Gli antagonisti sono Lamia, una sempre grandiosa Michelle Pfeiffer, crudele e potente regina delle streghe, pronta a tutto pur di ottenere l’eterna giovinezza, e il principe Septimus, interpretato da Mark Strong, l’antieroe per eccellenza, con l’unico obiettivo di diventare re ed ottenere il pieno potere. Il mentore del giovane Tristan è invece un inusuale Robert De Niro, che interpreta Capitan Shakespeare, alla guida di un veliero volante che cattura i fulmini. De Niro si cala alla perfezione in un ruolo del tutto diverso dai suoi soliti, dimostrando enorme versatilità e conferendo al personaggio la vena comica perfetta. Tra gli altri volti noti, ma ancora non molto nel lontano 2007, troviamo Sienna Miller, che veste i panni di Victoria; Ricky Gervais, il logorroico contrabbandiere Freddy; Ben Barnes, interprete del padre di Tristan da giovane ed Henry Cavill, nei panni del corteggiatore rivale Humphrey. Un parterre di attori britannici e non che contribuisce ulteriormente a rendere questo lungometraggio accattivante e coinvolgente.

Stardust si rivela quindi un tassello fondamentale dell’infanzia/adolescenza, per i millennial che come me lo ha visto appena uscito. Un film, come si suol dire, adatto a tutti, grandi e piccoli, che si riguarda sempre con piacere. Un prodotto, ormai di nicchia, che ora, grazie a Netflix, si può recuperare comodamente e in alta definizione. Quindi non vi resta che godervi questo viaggio romantico e avventuroso, tra stelle cadenti, pirati, streghe e cavalieri.

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Austin Dove ha detto:

    la mia infanzia
    letto l’articolo sono andato a rivedermi la final battle su yt ❤

    Piace a 1 persona

  2. Daniele Artioli ha detto:

    Davvero un film delizioso! Purtroppo quando è uscito anche io l’ho ignorato e l’ho recuperato solo molto tempo dopo, dopo aver letto il romanzo di Neil Gaiman. Mi sbaglierò, forse, ma secondo me il film ha un finale molto più lieto del libro, che invece finisce in modo molto amaro.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...