The Witcher: Nightmare of the Wolf

Film targato Netflix realizzato da Studio Mir, studio d’animazione sudcoreano, e diretto da Kwang Il Han. Inutile dire che lo si può trovare sulla piattaforma streaming appena citata, sulla quale è disponibile dal 23 agosto 2021. 

Il lungometraggio funge da spin-off della saga The Witcher, anch’essa un prodotto Netflix, ma bando alle ciance è tempo della trama.

La trama

La nostra storia inizia parecchie decadi prima degli eventi che narrano di Geralt di Rivia, infatti, il protagonista è il giovane witcher Vesemir, un cacciatore di mostruosità. Fa la sua comparsa in scena proprio per salvare un gruppo di nobili attaccati da un leshen, una creatura che vive nelle foreste. Dopo aver sventato la minaccia il witcher capisce che il mostro appena sconfitto era guidato da qualcosa di più potente. Ne parlerà dunque col suo amico elfo Filavandrel il quale potrebbe avere un’idea sul cosa o sul chi potesse controllare la creatura.

Veniamo anche a conoscenza del fatto che Vesemir ha intrapreso questa strada semplicemente per poter vivere nel lusso vista la paga cospicua dei suoi lavori, ma scopriremo un altro importante dettaglio.

Nel frattempo la maga Tetra Gilcrest sta facendo pressioni sul re per allontanare i witcher dal regno, cacciandoli da Kaer Morhen, la fortezza dove vengono addestrati, in quanto li ritiene una minaccia e anche perché custodiscono segreti molto importanti per la magia.

Considerazioni

Vi avviso che questa volta non ci saranno spoiler, il consiglio è comunque sempre di farsi una propria idea e tornare a leggere più tardi questa parte. Prima di cominciare vi avviso che Netflix indica il film vietato ai minori di 14 anni, personalmente è comprensibile dato che qualche scena dal forte impatto visivo c’è e con molta probabilità poco adatta ad un bambino facilmente impressionabile. Ma bando alle ciancie ecco qui le mie impressioni.

Il film tutto sommato mi ha convinto, però c’è da dire che le mie aspettative erano molto basse, soprattutto dopo aver visto il trailer che non mi ha trasmesso molta curiosità. Nonostante ciò il mio pensiero è un po’ cambiato dopo la visione del lungometraggio, quindi di seguito vi dirò cosa mi ha convinto.

L’aspetto che probabilmente più ho apprezzato è stato l’approfondimento di Vesemir e soprattutto del suo background (prima di continuare una doverosa premessa: non ho letto i libri), questo personaggio non è ancora stato incontrato nella serie TV, ma dovrebbe esserci nella seconda, quindi si può immaginare che l’uscita di questo film non è poi così a caso. Ciò che mi ha convinto di Vesemir è il suo carattere deciso, all’apparenza molto legato a tutto ciò che è materiale, ma si verrà a conoscenza di dettagli passati che potrebbero far cambiare il giudizio dello spettatore su di lui.

Altra nota di merito va alle animazioni soprattutto nelle sequenze di combattimento, oltre ad essere convincenti e in parte coreografiche, la vera chicca secondo me sta nel fatto che finalmente si vede un uso maggiore della magia, fattore che nella serie TV un po’ deficita. Inoltre, proprio questi momenti concitati aggiungono molto ritmo al film coinvolgendo maggiormente lo spettatore.

Concludo gli aspetti positivi parlando della storia, anche se a dirla tutta proprio questo punto fungerà da transizione verso ciò che mi ha fatto storcere il naso in questo film. Devo dire che complessivamente la storia l’ho apprezzata, anche perché non viene approfondito solo il personaggio di Vesemir, ma anche il mondo degli witcher e il parere delle persone comuni nei loro confronti. Ciò che ci viene proposto è un racconto fantasy tutto sommato “classico” senza grosse innovazioni, ma che in fin dei conti funziona.

C’è anche da dire che il racconto potrà sembrare piuttosto semplice e anche un po’ scontato, specialmente se non si è particolarmente coinvolti.

È giunto il tempo di parlare dell’aspetto che non mi ha convinto: la narrazione, più che altro il ritmo che si è dato al film. Secondo me ci sono troppi alti e bassi tra momenti frenetici e tempi totalmente morti dove ci sono giusto dei dialoghi che mandano avanti la trama; soprattutto quest’ultimi potrebbero risultare un pelino tediosi, specialmente se preceduti dai combattimenti suddetti.

Altri grossi difetti non mi è parso di vederli o quantomeno di percepirli; il film non è certo un capolavoro, ma in fin dei conti si lascia guardare volentieri in particolar modo da chi già conosce il personaggio di Vesemir (se avete giocato ai videogiochi, sicuro lo ricorderete) e dagli appassionati della saga a livello generale.

Grazie per aver letto anche questa pseudo-recensione e ci vediamo alla prossima!

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Daniele Artioli ha detto:

    Sono d’accordo, un film piacevole che si guarda volentieri ma decisamente non un capolavoro. Io non ho giocato al videogioco ma sto leggendo i libri, ed effettivamente Vesemir dovrebbe essere presente all’inizio della seconda stagione insieme a Kaer Morhen e l’argomento dell’addestramento degli Strighi; secondo me hanno fatto bene a introdurre già ora queste cose, così da poterle dare per scontate e andare più spediti nella serie tv. Un’altro merito che ha, poi, è proprio quello di aver approfondito la percezione degli Strighi nella popolazione e il razzismo sistematico con cui le persone trattano le creature non umane, un tema molto importante nei libri e che nella prima stagione della serie, da quello che ricordo, era pressoché assente. E poi animazioni top, anche se lo stile è identico a quello che ormai è lo standard estetico degli anime prodotti da Netflix.

    Piace a 1 persona

    1. Daniele Asperti ha detto:

      Scusa se ti rispondo solo ora, secondo me l’addestramento degli witcher verrà ripreso nella serie TV, anche perché una parte dovrebbe essere a Kaer Morhen.
      Sono d’accordissimo sulle animazioni molto simili ad altri prodotti Netflix, infatti prima di andare a informarmi ero convinto che lo studio d’animazione fosse lo stesso di Castlevania.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...