Un piccolo favore: una dark comedy al femminile

“I segreti sono come la margarina: facili da spalmare, dannosi per il cuore.”

Un piccolo favore (A simple favor) è un film del 2018 del regista Paul Feig (Ghostbusters, Le amiche della sposa). Il film è l’adattamento dell’omonimo romanzo della scrittrice Darcey Bell.

Due donne: Stephanie Smothers ed Emily Nelson. Due madri americane agli antipodi, accomunate soltanto dall’età dei figli Nicky e Miles, i quali frequentano la stessa classe. Stephanie: vedova, casalinga e vlogger, volenterosa e socievole, Emily: bellissima dirigente di successo, tanto affascinante quanto schiva. Le due in breve tempo stringono un’improbabile amicizia, basata su Martini e confessioni, e la storia ha inizio con un piccolo favore chiesto da Emily all’amica: “Puoi prendere tu Nicky a scuola domani?”. Subito Stephanie acconsente a prendersi carico del bambino, ma i giorni passano e di Emily non si hanno più notizie. Inizia così la ricerca della donna scomparsa, tra la scoperta di segreti inconfessabili e un oscuro passato.

Un piccolo favore si rivela un cocktail perfetto di dark comedy, thriller e un pizzico di grottesco, con due protagoniste eccezionali. Da una parte abbiamo Anna Kendrick, che interpreta l’ingenua e dolce giovane vedova Stephanie, dall’altra Blake Lively, una dea scesa direttamente per noi dall’Olimpo che si trasforma in una sociopatica dirigente di successo. Un’accoppiata vincente che tiene in piedi l’intero film. Questa dark comedy ha una trama accattivante, con continui e inaspettati plot twist, tra omicidi, tradimenti e scambi d’identità, una sceneggiatura vivace ed un ritmo veloce, che tiene incollati alla storia. Gli outfit di Blake Lively, dallo stile ricercato e di classe, sono (manco a dirlo) semplicemente spettacolari e contribuiscono senza dubbio a creare l’evidente opposizione con il personaggio di Anna Kendrick, dallo stile semplice e romantico. Da qui si intuisce quindi come il fascino di Emily abbia su Stephanie un effetto ammaliatore, che subito la conquista e la attrae, facendo sviluppare l’insolita “amicizia” da cui ha inizio la narrazione.

Essendomi approcciata al film senza alcuna aspettativa, estremamente incuriosita solamente dai mesi di promozione fuori dal comune fatta sui social media dalle due attrici, posso ammettere che Un piccolo favore si è rivelato un prodotto alquanto originale, che sa intrattenere sfruttando le armi della black comedy, aggiungendo quel velo di thriller e mistero che non stanca mai.

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Austin Dove ha detto:

    anche a me è piaciuto molto
    lo vidi al cinema e ho adorato le protagoniste, i costumi, il ritmo e soprattutto il finale molto surreale

    credo che il finale possa piacere solo se tifi per la ragazza giusta LOL

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...