After Life

After Life è una serie britannica targata Netflix del 2019, scritta, diretta e interpretata da Ricky Gervais. È composta da due stagioni (più una terza ed ultima in arrivo) di sei episodi ciascuna.   

Tony ha un “superpotere”: ha scelto di dire sempre, in ogni momento e in ogni situazione esattamente quello che pensa. Questa è la sua unica “arma” contro il dolore che lo schiaccia ogni giorno da quando sua moglie Lisa, l’amore della sua vita, è morta di cancro. Pensa di non aver più nulla per cui vivere, e decide di tentare il suicidio. Ma nel momento in cui sta per compiere il fatidico gesto, incrocia lo sguardo del suo cane e pensa che nessuno potrà occuparsene se lui muore. Questo piccolo ma efficace pensiero lo blocca. Ed inizia così l’esplorazione nella quotidianità della sua esistenza ordinaria e dei suoi rapporti con le varie persone che ne fanno più o meno parte: i colleghi del giornale locale, il padre affetto da Alzheimer, una vedova gentile che incontra al cimitero, un postino, una prostituta, il cognato, nonché capo, e lo psicologo. Tony decide di affrontare ogni giornata scegliendo che non ha più senso essere felici e sforzarsi di essere gentili con gli altri, di conseguenza meglio essere sinceri, anche al costo, però, di ferire il prossimo.

Il titolo stesso indica il tema centrale: “after life”, “l’aldilà” doloroso e spento della vita di Tony senza Lisa, senza il suo amore. La serie attraversa la depressione del protagonista, il quale si domanda giorno dopo giorno quale sia il senso di continuare a vivere dal momento in cui si perde la persona amata. Ed è proprio qui che si ritrova invece ad apprezzare le piccole cose belle della vita, le nuove amicizie inaspettate e le singole sfumature di buono che si possono trovare in chiunque, anche e soprattutto in chi meno te lo aspetti. After Life riesce ad esplorare la drammaticità della perdita e del lutto, l’incapacità di elaborare il dolore e a coniugarli al cinismo divertente che caratterizza il personaggio di Tony, interpretato dal brillante Ricky Gervais, creatore e regista della serie, riuscendo a creare con il pubblico una forte empatia. Da ogni episodio emerge una piccola e delicata lezione di vita, che commuove e al tempo stesso fa sorridere. Una sorta di inaspettata dichiarazione d’amore alla vita stessa, che semplicemente, anche dopo il dolore più profondo e angosciante, va avanti.

È sicuramente difficile restare impassibili durante le scene in cui Tony riguarda di continuo i video della moglie, così come è altrettanto impossibile trattenere il sorriso nel sentire i suoi commenti cattivi espressi ad alta voce o nel sentirlo sospirare un “porca puttana” lungo i corridoi del supermercato. Il merito del successo mondiale di questa serie va in primis al protagonista, sia per l’interpretazione che per la scrittura, ma subito dopo va al parterre di attori, più o meno famosi, che lo accompagnano, dove tra i vari nomi compaiono Penelope Wilton (Downton Abbey) e David Bradley (Game of Thrones), capaci di creare una semplice ma efficace caratterizzazione di ogni singolo personaggio.

After Life è la perfetta sintesi tra commedia e dramma, pervasa dallo humor nero e politicamente scorretto che contraddistingue il suo ideatore. Una serie che sorprende e conquista ad ogni episodio e semplicemente fa stare bene, più di quanto ci si aspetti. Un prodotto eccezionale, nato esclusivamente dalla mente geniale di Ricky Gervais.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...