90 Special: Edward mani di forbice

Un classico intramontabile; un capolavoro sotto tanti punti di vista; il fiore all’occhiello di Tim Burton e un innegabile cult degli anni 90. Sto parlando, ovviamente, di Edward mani di forbice.

Cari amici cinefili ben venuti ad un nuovo appuntamento di 90 Special, rubrica che ormai vi accompagna ogni domenica e che mi permette di parlarvi dei cult intramontabili del cinema vintage. Come molti, mi reputo una grandissima fan dei progetti di Tim Burton (come non amare cartoni come La Sposa Cadavere, Nightmare before Christmas, Nine e film come Big Fish, Big Eyes e La fabbrica di cioccolato) e, tra tutti i suoi film, Edward mani di forbice è probabilmente il mio preferito.

Con protagonisti due giovanissimi Johnny Deep e Winona Ryder, Edward mani di forbice racconta la storia di Edward, un ragazzo creato da un inventore solitario con due forbici al posto delle mani. Da sempre vissuto in un buio e isolato castello, Edward viene adottato da una semplice famiglia del paesino con cui la sua dimora confina e dovrà vedersela con gli odi generati dalla sua diversità e con gli sconosciuti sentimenti che la sua nuova casa farà sbocciare nel suo cuore.

Scuola 1990, Edward mani di forbice è un film romantico, spiritoso e commovente, al quale non manca il tocco magico del suo regista, abile nel donare ad ogni sua creazione uno spirito fantasioso ed inquietante. La pellicola affronta tantissimi argomenti diversi e colpisce il cuore dello spettatore con i suoi molteplici significati.

Il tema protagonista è sicuramente l’amore: l’amore per il diverso, per lo sconosciuto; la capacità di accettare qualcuno per com’è e non per come appare; il coraggio di seguire il proprio istinto, sempre condotto dal cuore. Edward rappresenta la diversità che si fa strada nella chiusa mentalità provinciale, la quale si dimostra sempre come il più imponente ostacolo da superare per raggiungere la serenità.

A rapire immediatamente il nostro debole cuoricino è proprio la figura di Edward (Johnny Deep): timido, indifeso nonostante il suo aspetto spaventoso, fragile e terribilmente incuriosito dalla vita, che imparerà ad amare e a temere. Il faccino da cane bastonato di Johnny Deep è semplicemente adorabile e lo è ancora di più la sua interpretazione impacciata e giovanile. Edward non ha mai frequentato nessun luogo a parte la grande e polverosa soffitta della sua casa e ritrovarsi improvvisamente a vivere in una famiglia normale, in un quartiere abitato da tante famigliole spensierate ed incuriosite dal nuovo ospite, lo spaventa a morte.

Il personaggio di Kim (Winona Ryder), anche se minore, è altrettanto dolce e coinvolgente. Sarà lei, infatti, la prima ad avere paura di Edward ma anche quella che più desidererà stringere con lui un rapporto vero. La madre di Kim, Peggy (Dianne Wiest), è invece il personaggio più istintivo, più passionale e più ingenuo, tutte caratteristiche che lo rendono anche quello più carismatico e divertente.

Come in molti film di Tim Burton, in Edward mani di forbice c’è anche un lato oscuro. La perversione delle persone nei confronti di una dirompente novità all’interno di una vita piatta; l’ossessione nei confronti della possibilità di vivere un’avventura, anche se sbagliata, anche se a scapito di una creatura infantile come Edward; l’odio nei confronti dello “straniero”; l’invidia verso chi non ha paura di mostrare le proprie diversità.

Questo insieme di simboli sociali rende Edward mani di forbice un film sempre attuale, coinvolgente e appassionato. A conferire alla pellicola ancor più pregio si aggiungono la regia inconfondibile di Tim Burton, capace di far entrare lo spettatore nel film e di esaminarlo sotto molteplici punti di vista, e la fotografia Stefan Czapsky, il quale ha spesso collaborato con Burton e che qui ci regala delle scene memorabili, accompagnate da colori freddi alternati a colori caldi che parlano, definendo situazioni e sentimenti vissuti dal protagonista.

La recensione di questo classico finisce qui. Ovviamente vi consiglio di vedere il film e di commentare qui o su Instagram (link qui sotto) cosa ne pensate. Intanto vi invito a passare la prossima domenica per un altro appuntamento con 90 Special e a seguire tutte le novità del blog!

https://www.instagram.com/mymoviesdrugs/?hl=it

https://www.instagram.com/cinesblog/?hl=it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...