Belli e Dannati: una bizzarra epopea on the road.


“Sono un esperto di strade. È tutta una vita che assaggio strade… Questa strada non finirà mai, probabilmente gira tutta intorno al mondo.”

Mike Waters (River Phoenix) è uno gigolò omosessuale e vagabondo in cerca di sua madre, la stessa madre che lo abbandonò da bambino e che, per lui, è un ricordo traumatico. Affetto da narcolessia e con un grande vuoto da colmare, questo giovane e bel ragazzo conduce una vita libertina in compagnia di Scott Favor (Keanu Reeves), suo fedele amico e affascinante figlio del sindaco della città, che ha liberamente scelto di fare lo gigolò per ripicca nei confronti di suo padre e del suo stile di vita borghese.
Presto l’amicizia di Mike per Scott si trasformerà in amore e la loro avventura alla ricerca della madre perduta di Mike inizierà, portandoli a viaggiare e ad imbattersi in tanti strani personaggi.

Stravagante, kafkiana, eccentrica: questa libera interpretazione dell’opera teatrale “Enrico VI” di William Shakespeare lascia attoniti.
La trama è chiara e lineare, si snoda velocemente e non cela grandi misteri o colpi di scena, tuttavia la visione risulta a tratti di difficile comprensione e a tratti noiosa, forse a causa dei dialoghi eccessivamente forbiti, teatrali ed elaborati, quasi “fuori luogo” rispetto al contesto urbano nella quale si svolge la vicenda. Le tematiche dell’omosessualità e della prostituzione maschile sono ben presenti ma purtroppo poco approfondite, vi sono infatti molte scene che ci raccontano senza peli sulla lingua questo importante aspetto della storia ma di fatto non c’è una vera e propria analisi a riguardo, il tutto rimane quindi solo abbozzato.

L’eccessivo surrealismo delle varie situazioni che ci vengono presentate, inoltre, inizialmente risulta sì interessante ma pian piano priva di ritmo e mordente la pellicola, sconcertando e distraendo lo spettatore, la cui attenzione viene distolta dalla storia e dall’ipotetico messaggio che il film vuole trasmettere. L’estetica del film è curata, cittadina e con qualche sprazzo quà e là di vaghe citazioni alle atmosfere tipiche di “Oliver Twist” ma reinventate in salsa moderna. Di per sè la parte visiva risulta molto semplice e di sicuro non il punto focale dell’opera, anche se sono presenti alcune scene simboliche ed oniriche, ricercate.
Il compianto Phoenix ed il giovanissimo Reeves se la cavano bene, la loro interpretazione è fresca e godibile, tuttavia i personaggi che interpretano risultano piatti e difficili da empatizzare. I dialoghi, infatti, li rendono a tratti macchiettistici, troppo scenografici.

Tuttavia il film riceve tre Independent Spirit Awards nel 1992 come Miglior Attore Protagonista (River Phoenix), Miglior Sceneggiatura e Miglior Colonna Sonora e, al Festival di Venezia nel 1991, sempre Phoenix riceve la Coppa Volpi.

Belli e Dannati“, film drammatico ed indipendente del 1991, è una delle prime pellicole di Gus Van Sant.
Particolare regista, sceneggiatore, montatore, fotografo, musicista e scrittore statunitense, Van Sant nasce come artista visivo e cineasta indipendente ma, grazie al suo peculiare modo di narrare i disagi adolescenziali, ha saputo poi affermarsi anche ad Hollywood.
Seppur questo film non centri il punto e non risulti particolarmente appassionante, rimane comunque un piccolo cult degli anni ’90, forse per la presenza di una coppia d’attori importante per quegli anni, forse per la particolarità dell’opera in sè o forse per il prestigio acquisito da Van Sant nel tempo con film come “Will Hunting – Genio Ribelle” (1997), “Elephant” (2003) e “Milk” (2009).
Fatto sta che il film merita almeno una visione ma temo che, a causa della sua disomogeneità e della carenza di carisma, possa risultare intrigante solo per i fan del regista e del suo stile anticonvenzionale.

~Rebel Rabel

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...