Zia Meme

Patrick, rimasto improvvisamente orfano, viene affidato alle cure di sua zia Mame, quanto mai poco abituata a relazionarsi con l’infanzia. Ma saranno proprio l’amabile eccentricità della zia ed il suo grande cuore a rivelarsi il filo conduttore della pellicola.

La signora mia zia (Auntie Mame) è un film del 1958 diretto da Morton DaCosta e tratto dal libro Zia Meme di Patrick Dennis. In America il libro riscosse un enorme successo mentre in Italia fu un disastro finanziario.

Questo film é divertente, ben fatto, ben interpretato e coinvolge fino in fondo.

È il classico film che consiglierei ad un parente o ad un amico. Nel 200 l’American Film Institute l’ha inserito al 94º posto della classifica delle cento migliori commedie americane di tutti i tempi.

La personalità eccentrica e piccacante di Zia Meme vi farà letteralmente innamorare di lei, i costumi colorati e d’effetto vi faranno innamorare di ogni scena.

La scenografia é molto particolare, richiama molto il teatro (fate caso alla scena in cui Zia Meme sta sul monte Everest ì), con scenari dipinti.

La storia vi coinvolgerà fin dall’inizio: una storia toccante e commovente ma che non manca di colpi di scena.

Una pecca dal film é la durata: 143 minuti.

Io, amante del libro, ho amato ogni singola scena. Vi lascio con una frase di Zia Meme, una frase che ha segnato la storia:

Vivi, vivi, vivi! La vita è un banchetto ed i poveri scemi muoiono di fame…”

Zia Meme

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...