Donne E Cinema

Donne e cinema é un binomio che non viene quasi mai affrontato al giorno d’oggi. Cercherò di non essere scontato, e quindi vi parlerò non delle donne all’interno dei film, ma delle donne-spettatrici, attraverso delle teorie femministe che variano dagli anni ‘70 agli anni ‘90.

Queste teorie sono racchiuse nello studio dei “Gender e media”, uno studio con approccio femminista (e non) che indaga, con metodi diversi, il ruolo della donna spettatrice e come immagine. Un tema attualissimo.

Le prime teorie femministe sul cinema sono racchiuse nel Femminist Film Theory (FFT). L’FFT analizzò il cinema in due diversi modi:

  • Un’analisi sui film: per vedere il ruolo delle donne all’interno dei film e, quindi, il perché le donne occupano il ruolo che occupano.
  • Un’analisi sulle donne\spettatrici: analizzando la spettatrice.

Ci concentriamo sulla seconda.

Qui vi farò un riassunto, una spiegazione blanda di una ricerca minuziosa e decisamente complessa, vi consiglio un approfondimento.

Una personalità di spicco che emerge nella FFT fu Mulvey.

Mulvey teorizzó la centralità dello sguardo nel cinema, affermò:

Lo sguardo é il vettore del funzionamento dell’apparato, del rapporto spettatore-schermo e delle dinamiche diegetiche del testo filmico.

Mulvey

Mulvey afferma che il piacere visivo dell’esperienza cinematografica si fonda sull’attivazione di due pulsioni del “guardare” contraddittorio:

  • Voyeurismo: ovvero il piacere di usare un’altra persona come oggetto di stimolazione sessuale attraverso la vista;
  • Narcisistico: ovvero l’identificazione del soggetto con l’immagine.

Nel cinema classico la funzione della donna é puramente erotica e si esaurisce nel sostenere il desiderio maschile.

Nel cinema Classico, secondo Mulvey, l’atto di guardare é riservato all’uomo.

In sostanza, afferma che le spettatrici donne hanno molta più difficoltà ad immedesimarsi in un film (quindi a livello Narcisistico) in quanto i protagonisti, e quindi gli eroi, sono uomini; la star maschile appare come un potente io ideale.

Negli anni 90 le teorie della differenziazione sessuale cambió, e di conseguenza cambiarono tutte le teorie associate al femminismo (parlo dei Cultural Studies, del culto del Trauma), compresa questa. Ve ne parlerò in un ulteriore articolo.

Anche oggi é così?

Oggi sappiamo che esiste una pluralità di genere: ci sono vari livelli di mascolinità e femminilità, quindi chiedo a voi, lettrici e spettatrici, riuscite ad immedesimarvi in un film?

Queste teorie sono degli anni ‘70-‘80-‘90 quindi un po’ antiquate (in quanto il genere storicamente variabile). A mio parere, oggigiorno ci sono molti film (sempre troppo pochi) che permettono un’immedesimazione adeguata da parte di tutti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...